pietroamendolara.it logo
Venosa
1 / 23 ◄   ► ◄  1 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
2 / 23 ◄   ► ◄  2 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
3 / 23 ◄   ► ◄  3 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
4 / 23 ◄   ► ◄  4 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
5 / 23 ◄   ► ◄  5 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
6 / 23 ◄   ► ◄  6 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
7 / 23 ◄   ► ◄  7 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
8 / 23 ◄   ► ◄  8 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
9 / 23 ◄   ► ◄  9 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
10 / 23 ◄   ► ◄  10 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
11 / 23 ◄   ► ◄  11 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
12 / 23 ◄   ► ◄  12 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
13 / 23 ◄   ► ◄  13 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
14 / 23 ◄   ► ◄  14 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
15 / 23 ◄   ► ◄  15 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
16 / 23 ◄   ► ◄  16 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
17 / 23 ◄   ► ◄  17 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
18 / 23 ◄   ► ◄  18 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
19 / 23 ◄   ► ◄  19 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
20 / 23 ◄   ► ◄  20 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
21 / 23 ◄   ► ◄  21 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
22 / 23 ◄   ► ◄  22 / 23  ► pause play enlarge slideshow
Venosa
23 / 23 ◄   ► ◄  23 / 23  ► pause play enlarge slideshow

Venosa

Venosa la città di Orazio, è sita nel Vulture, nel nord della Basilicata su un altopiano compreso tra due valli ed è circondata da una rigogliosa vegetazione e da numerose alture. Le tracce rinvenute assieme a resti di una necropoli neolitica, trovati in località Toppo d'Aguzzo a Rapolla nelle vicinanze del territorio venosino, certificano la presenza umana nel territorio di Venosa sin dai tempi della Preistoria. Gran parte di queste testimonianze si trovano al "Parco Paleolitico" di Notarchirico, un'area non molto lontana dal centro.
In seguito alla guerra annibalica la città fu ridedotta (200 a.C. ca.), con l'invio di nuovi coloni. Nel 190 a.C. la fondazione della Via Appia è occasione di forte sviluppo del centro. Durante la guerra sociale fu al fianco degli alleati italici, ma fu sottomessa da Quinto Cecilio Metello Pio e nell'89 a.C., nonostante questo, ricevette il titolo di Municipium (città romana), ottenendo il diritto di voto e di cittadinanza per i suoi abitanti.

Con l'apporto di nuovi coloni, Venosa acquisì un grande sviluppo, data anche la sua collocazione privilegiata nella Via Appia (una delle più importanti vie di comunicazione dell'antichità), che collegava Roma a Brindisi. Nel 65 a.C., nel municipio nacque e visse la propria adolescenza Quinto Orazio Flacco, uno dei più illustri poeti dell'epoca antica, emigrato, in seguito, a Roma. Nel 43 a.C. fu oggetto di una nuova deduzione da parte dei triumviri, che ne espropriarono i terreni dell'ager publicus, ridistribuendoli tra i veterani.
Nel 1232, nasce a Venosa il futuro re svevo Manfredi, figlio di Federico II e Bianca Lancia. Agli Svevi successero gli Angioini e nel 1304, re Carlo D'Angiò assegna Venosa con titolo comitale al figlio Roberto, detto "Il Saggio".
Dopo un continuo avvicendarsi di signori feudali, la città fu concessa in feudo agli Orsini nel 1453. Fu portata in dote nel 1443 da Donata Orsini al duca Pirro Del Balzo, che fece costruire il Castello (dal 1460 al 1470) e la concattedrale di Sant'Andrea (di cui si conosce solo la data di terminazione, 1502, e di consacrazione, 1531). Fonte [Wikipedia]
Share
Link
https://www.pietroamendolara.it/venosa-p17766
CLOSE
loading